"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

24 luglio 2010

Chiusu pe' ferie e pe' paura de llu morbo de lli ghiallinacci dotti e sbarrubbiti!

Vistu lu torrito clima petecianu, che ppoi  è ssocì dagl'anno passatu e, se ce capacitemo, me sa che quissu remarrà ssocìne chi sa pe' quantu tempu ancora, anzi me sa che 'ssa calura se 'nfiammerà sembre de ppiùne, finu a abbambacce tutti.
'Ndandu gli 'ndiggeni peteciani (quilli che appena recomincia a ssalline qua nebbia  se retroverrau soli come sembre, prechè li "cittadini ammancipati" se nne revau - pe' fortuna - fori le mura de lla capitale, addò se troanu 'nmbracciu a ddio e pure contenti de esse tanti numeritti che contanu quantu e gnente)  farrianu bbene a fregassenne dde tutti 'ssi "cittadini de città" - ssocì a mmodo, ssocì etichettari che ffau 'nvidia pure a lla bbonanima de monsiggnore Della Casa.
Ma vvui, cari 'ndiggeni, freghetevenne pure de tutte le loro cazzate  'nfinite e, soprattuttu, de lle loro glorie vòte da cogliuni che mostranu co' tantu de compiacimentu,  ma solu quanno se fau revedè a llu paese nostru, prechè 'nquara parte (se ce levi qua' mezza coccialustra) chi cazzu se lli fila!!
E stetevenne pure alla lontana da vecchi e nnovi trombuni sfiatati, da lli ghiallinacci sbarrubbiti e da lle S. Agnese nostrane, o meglio, le "mamme dei  cazzi degl'ari", che ppoi da nui so più ommeni che femmene. 'Nzomma tutti quilli che sse criu, solu issi, de esse peteciani e dde fane lo bbene de Petecia. Ma quanno li primi se so occupati de llu paese, lo sapìmo tutti com'è  ìta a fenine: che lli credituri ce dormu fori a lle porte de casa - pure a quelle a ddò non ce abbita chielli -  e che quallechunu ha pure penzatu  de fasse li cazzi sei  e, magari, pure quilli de llu parentatu. E stetene certi che  quilli nòi (se è vero che llu bbongiorno se vede da lla mmatìna) è pure difficile che farrau quaccosa de ppiùne e dde meglio. Quissi continuerrau a becchasse unu co gliaru prechè tengu la "sindrome de llu ghiallinacciu", che è 'ndisturbu preoccupante. Soprattuttu pe' lli peteciani residenti però!!
Ce revedemo quanno aète smissu de scannavve tutti quanti e quanno li cunti sarrau stati refatti pe' filu e pe' signu, puntu pe' puntu', lira pe' llira, spesa pe' spesa. Lo diceanu li vecchi nostri che "lli cunti prima o ppoi tocca sembre refalli", aru che cazzu!!
Finu a mmone  qua Uccellacciu cattiu aèa provatu a smorzane la vampa (aru che appicciane lu focu, strunzu!!!) e dde sostenè che li cunti se poteanu pure fa' "revenì"  senza 'nzuppostà chielli e recomenzenno a segnà co' 'na libbretta nova . Non v'è piaciutu...bene! Mo' so cazzi vostri, moccicheteve e squarteteve come più ve pare e piace; tantu nui ce potemo  guadagnane solu qua conzenzu deppiùne (cocì magari recomenzemo prima de llu tempu). E sso pure cazzi pe' llu tacchinu 'nduttivista, pe' tutta la confraternita e compagnia bella. E ce nni stà pure pe' cchi penza de non esse mmai mortu o de resuscitasse da lla fossa come Lazzaro - èsso avoglia tu a leccane lu culu e  ffa combriccola co lli curati de campagna e a restregne li sòrdi pe' lle madonne, prechè a Petecia li miracoli non se sone mmai visti, a mmeno che no' lli comenza a ffane lu bbustu de llu frate beneventanu (vistu quello che c'è custatu!) o qua quadrucciu de madonna addolorata . Esso mo' so ddoluri de' panza pe' tutti, non solu pe' gl'espostisti, ma pure pe' quilli che hau 'mbastatu li ciammellitti co ddù bbuci, caru pennutu 'nduttivista o  doctus cum libro, e recordate, strunzu, de lla massima latina "Cogitationis poenam nemo patitur"; ma pe' tte penzane è peddavero 'na cosa ozzionale). Ad majora, "bella gente", ce revedemo doppu le vacanze ....ma co lli residenti però, ammissu che ppe' allora non se so abbrustoliti tutti quanti, 'nzemmora a Sanzò e a tutti li filistei. 
Godemoce tutti la meritata vacanza che tantu, prima o ppoi, le profezzie se avveranu e 'na bbona òta ce toccherrà pure ìne sottofrazzione a  Peraforte o a Cane mortu, che ppoi sso sempre meglio de quissi de Collardu o dell'Ascrea.