"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

22 luglio 2010

Inno peteciano

Va lu sole pe lle vigne
e le frunni già so gialle
ma lu core va 'nabballe
e non saccio sa que è

Tocca pacà lu dazziu
pe' un picchieru e mustu
ma guarda sa què gustu
ce tocca ì a prova!

Marì, Marì
agliutame a pistà
che te la voglio  fa
la mostarella.

La vennegna 'ntempu 'e prima
era tutta 'nallegria:
quanta ggente pe' lla via
se metteanu a cantà!

Taglia ssì ciaccari d'oro
che DDio t'ha mannati
pure se sso' suati
dimmelo, que vo tu?

Marì, Marì
assaggiane 'na crì
che fa diventà sembre più bella.

Marì, Marì
aiutame a pistà
che te la voglio  fa
la mostarella.

Marì, Marì
aiutame a pistà
che te lla fa cantà
la pasquarella.