"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

19 agosto 2010

Cartellone estate peteciana 2010

Me sa che co' gl'interessi da pacane lu tibbetu sarrà ppure cresciutu. Cocciapelà resorvemola 'na bbona òta 'ssa questione se nno, co' ssì cazzu de  tabbelluni, dalla Croce  non vedemo più  la baraccopoli de lli Casali e nnui non ce potemo perde lu meglio panorama. E ppoi li turisti che arrivanu e leggiu tuttu 'ssu papiglièrre se sturbanu subbitu e macari se nne repartu, prechè penzanu che li tibbeti nostri li volemo mette a cuntu a ìssi e cocì rovinemo pure  gl'unici 'ndroiti che tenemo: quilli de llu turismo de massa. Cocciapelà non te llo fa repète ppiùne, 'nzerremola 'ssà pratica e llibberemo Petecia da 'sse brutte tabbelle  e pure da lli cessi staggionali, che tantu da nui ci stau ancora bbone tracenne pe' ffa 'na piacevole pisciatina estiva e all'aria aperta. Se mmai lu probblema sorge pe lli residenti, alla renfrescata, quanno 'ssì bbanduni de plastica sarràu stati retirati, prechè all'ora farà friddu e caccià lu pingiacchiu all'aria aperta poterria pure fregattellu co' 'na coglionite bbilaterale acuta. Che ppoi è 'na mmalatia che ha ggià fregatu paricchi da lle parti nostre! Te llo chiedo co' tuttu lu core - pure se malandatu - resorvila prestu 'ssa faccenna, non me lla lasciane in eridità che io comenzo a 'nvecchiamme e nno me lla sento de remettece le mani!