"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

26 agosto 2010

Le divagazioni di Sebastiano il ghisa

Statte attentu uccellacciu miscredente a pigliamme 'ngiru; recordate piùttostu la fine che fece detto Mario pe'  'ndane retta a lle parole de llu sacrestanu de Sant'Andrea de lla Valle: "Scherza co lli fanti e lascia stane li santi, che già ssò 'mpenitenti tutti quanti ...".  'Nzomma gl'hau fattu 'mpettu come 'na rattacaciu.
E sse prupriu te vo' divertine a ffane 'nmazzu de carti co lle allegre vite de lli santi, allora te tocca rispettane le gerarchie. Presembiu non po' mette a mme 'nmposizzione superiore a S. Antonio lu leghista, prechè quissu è  pappa e cucchiara co llu principale e ppoi è tantu più popolare de me, speciarmente da lle parti de cima 11 e cima 12. L'arristi da sapìne tu addò stau 'sse montagne. So' quelle che recordèa spissu 'nmbrau  paesanu vostru, che aèa combattutu 'nzuppe quelle montagne: "...li 24 giugno ecco se mète, n'vece a ddo stemmo nui, a cima 11 e cima 12, 'na valanga ddumila perzone tutte sotto...pora ggente". O ve nne sete scordati tutti a llu paese vostru de lli bbrai maestri de vita?!
Se lla ggente de 'sse generazziuni - ecco ce nni stau paricchi de peteciani - ve lla remannassimo pe' qua ggiornu è certu che non reggerrianu più de 'mbard'ore 'nmezzu a 'ssu purgatorio che vve stete a ffabbricane. Pe issi sarrìa 'na punizzione troppu ròssa de retroasse 'nmezzu a espostisti, ciarlatani, trombuni, prepotenti, guarduni, 'gnavi, mezze cartucce e mezze carzette e ...e chiudemola ecco, che è meglio pe' tutti.
'Mpozzo responne a quello che mm'è statu rechiestu prechè io non tengo lu potere de sapìne se llu poru Pizzardone  (a ddìne lo vero da nui se dice ghisa,  prechè  mi so' milanes)  lu farrau a pezzi o se sarrau quiss'ari a esse cacciati da llu tempio. Quesse  sso questiuni che toccherria chiedele a llu Capoccio meu, ma non te crede che sia cocì facile arrivacce co' tutti li santi cortiggiani che lli ggiranu 'ndornu. Tocca affane 'na trafila che non fenisce mmai, eterna pe' dillo nella lengua nostra. Ecco le cose non è che ssò tantu diverse dalle vostre, solu che tra lli piani ardi, quilli 'nmezzu e lli sottrranei rescallati semo miliardi e miliardi e miliardi, che vvui non ve potete mancu 'mmagginane. Penza che sse ce mettemo a pisciane tutti 'nzemmora vui morireste affogati  come surgi ne llo pisciu. E lla ggestione de tutte 'ss'anime sta nelle mani de unu solu, prupriu come da lle parti vostre de llu munnu, addò un Cainanu controlla vaci tutto e tutti, pure li Bbersani e lli ventriloqui che lli ggiranu 'ndornu. E mmo 'nce so madonne che tengu (ecco ssu nome non se po' pronunciane senza 'na raggione, è pericoloso prechè Quissi usulanu e sse llu Capoccio se 'ncazza è capace che te fa pure fa l'ira de Ddio...). Dicemo allora che non ce stau santi che tengu (tocca sta attentu pure a ddine ssara parola prechè quiss'ari se lla piglianu facirmente, come quilli de llu commune vostru. E' 'na questione de potere ...tuttu lu munnu è paese, Cornacchia meu, e che llu Padreterno ce ....ve la manni bbona! Anche se io, co quello pocu che pozzo sapìne e capìne, non me giocherria mancu 'na stearica votiva. L'unica cosa certa che saccio è che lli peteciani se lla piglierrau sempre a quillu postu deretu. 'Ntantu diteve ddu orazioni, cocì magari ve llu sentirete meno tostu. E tu continua a restregne più e-lettori che po', meglio fasse trovane pronti pe' ogni evenienza. Pe' chiudella te volevo dine che è meglio che non t'aspetti 'na risposta da llu padovanu, prechè quillu de solito responne e parla solu co' pochi; li piaciu tantu li minomi ma solu se frequantanu lu Campidogliu o so' tantu artolocati e co lli nei a llu muccu. Che llu Capoccio v'accompagni, ne tenete prupriu bisognu!