"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

13 maggio 2016

Ritorno al passato: 600.000 sghei de passione (?!)

Vell'aèa dittu che non se poteà esclude 'na rempatriata,  ma corre voce che allu Commune lu tibbetu sia sallitu a più de 600.000 sghei. E' vero o è 'na bucìa?! Ma se è vero come diciu, mo' 'ssi  cazzu de tibbeti chi li repaca??!!! Me sa che a Santu Pollu e allu Mandulinu poterria arrivane pure lu giudizziariu. Io gliell'aea dittu agl'amicu meu: "Non te 'mpicciane, ma chi cazzu te llo fa fane a circondatte de ddu chiattarelli, de' tre o quattro crapi vanitose, de qua vecchiu trombone sfiatatu e, soprattuttu, de resuscitane e fatte conzigliane da' certi personaggitti ambizziusi che già tanti danni e tibbeti aeanu fatti a llu paese nostru. Te ll'oglio pure repetutu più òte che quissi erano vecchi marpiuni che non faceanu pe' tipi co' lla schina ritta come te". E mo però ce vo' prupriu 'na "Culatta" come ddu ore de notte pe' uscine da 'ss'inferno bollente, prechè un Francobollo solu non po' bbastane, èsso non se tratta de posta ordinaria ma de raccomandate pesanti, che hau da contenene 6000 fogli rusci da 100 ... avoglia la BCE a stampane carta e pe' portalli tutti co 'na òta ce vorria la mitica Barrozza de Mezzanotte!!
Epperò, pure se so' penzionatu,  'na mani pe' 'na bbona stanzetta governativa pozzo ancora dalla! De più non pozzo fane prechè della poca liquidazzione che m'hau data, tra imu, acqua mai consumata, monnezza  mai cassonata e cazzi vari ve lla stete a repigliane vaci tutta, tantu che me tocca venne quelle quattro mura pe'  famme un bucittu  alla Saucetta. Magari senza acqua ne luce (tantu  me coreco prestu e tengo bbona terra pe' fasse 'na cacatina come allora e pe' sotterrane lla poca monnezza. Pe' dasse 'na resciacquata ogni tantu ci sta lu fosso e llu Riu a ddu passi) cocì lu Commune se ll'ha pija 'nderculo co' lle tasse 'ndo cojio cojio.
Io me lla venno la casa ma a vvui me sa che ve tocca svenne pure la statua dellu frate de Pietralcina (e chi è llu mattu che se lla compra?!),  tuttu lu patrimonio artistico dell'importante museo civico e smettela pure co lli  Baccanali stagionali che tantu turismo hau portatu allu paese nostru. E' prupriu un peccatu però, prechè sso' 'na grande risorsa pe' l'economia locale! Chisàne gl'anno passatu quanti biglietti so' stati vennuti e quanti sordi 'ncassati co llu flusso turistico programmatu?!
Però, pe' falla corta, come diceanu li vecchi dalle parti nostre: " ...chi fa lu fasciu se llu 'ngolla e bbona schina ce vone pe' re-portallu".
Ma mmo che ce penzo, se poterrìa fane 'na bella colletta civica - da bbravi e bboni paesani sempre uniti pe' llo bbene comune e che sse so' sempre rispettati e amati, speciarmente gl'urdimi anni - e repacane cocì tutti li tibbeti: vecchi e nnoi però!! Prechè esso, ce llo potemo dine, ci stau pure quilli vecchi de tibbeti, non ce llo scordemo!! De mio so' dispostu a ffa dono pe' la causa comune de tutti li possedimenti terrieri: Remagghiure,  Cesevecchie, Casalienti, Coardu, Renicciaru, Colleagnelu, la Pacina e altri, che però mo l'arterioscleresi non me fa recordane.
Che non se fà pe però pe' gli amici e pe' lla patria!!!! Ma llu popolo addormitu che nne dice? Ah, sapillo!
Scusate il breve ritorno.