"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

14 maggio 2016

Ritorno al futuro

Non hoglio fattu attempu a rescrive 'na cornacchiata - en passant - che subbitu s'è scatenatu lu finimunnu. Più de 500 entrate e  'na quarantina de commenti mancu in 24 ore (commenti anonimi che non pubblico pe' nno reaprine la piaga e prechè  non tengo nessuna 'ntenzione de continuane, speciarmente dopu avelli letti ssi cazzu de pensierini scritti co lli pei). E' da quissie amenità da decerebrati che se capisce subbitu che a Petecia non cambia mai un cazzu de gnente, anzi me sa che lle cose se so' n'cattivite sempre de ppiune e lli contrasti tra faziuni politiche, casati, parentati, parenti serpenti e sbandati vari se so' sempre più arroventati. Ma come cazzu fau un par de cento persone a stane sempre alli ferri curti, a "vive" guardannose 'ncagnesco tutti li ggiorni?! Quesse cose non succedeanu mancu a ddo' stea io, che  dde persone - in cattività però - ce nni steanu armeno il doppio!! Quilli non se lla passavanu troppu bbene, ma a mme me pare che da vui le cose non vau mica tantu meglio! Ma come aète fattu a ficcavve dentro 'ssa galera relazionale e stacce pure bbene, armeno sembra?!
Caru sindacu, esso so' cazzi de gnente co' tutti ssi contrasti, co' tutta 'ssa gente che te rema contro, co' tutte le "fregnacce" che se raccontanu 'ngiru sulli debbiti de llu commune. E meno male che Petecia è una "dittatura democratica" vistu che "non ci sta" 'n'opposizione, 'nzomma che allu commune sete (eravate?) padrò e sotto, se nno chi lo sane quanti sconquassi ce sarrìano stati! Ce la farrai a regge ancora due o tre anni?! Te lo auguro co tuttu lu core malandatu, ma intantu cerca  de istruìne bene qua bardasciu e de lascianne quallecunu che po' amministrane alla meno peggio, prechè se nno - tra crapi, crapette, serpentelli striscianti, tacchini induttivisti, cazzari, ciarlatani, lengue sozze, capisciuni, fraccazzi da velletri, vecchi trombuni trombati e sfiatati, aspiranti trombuni, pugnette e mezze pugnette, ruffiani e quaquaraquà, pagliaccitti e piscitielli e cannucce, ecc., ecc., ecc.... - 'ssu paese lu ridurrau come 'na rattacaciu, come 'npimmitoru sfracchiatu!!
Ma chi cazzu me ll'ha fattu fane a fa' sta piccola rempatriata?!!
Aribbona notte popolo!!!