"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

10 giugno 2016

12 Giugno - Sagra de lli Gnocchi e Banchittu pro-NO-bis


Paese mio che stai sulla collina, disteso come un vecchio addormentato...
Ce ll'hau fatta a recominciane co lli baccanali estivi, anche se ov'anno, da come me 'ncenne la ponca me sa che de bagni a llu Reotanu della discordia (co quissi de Peraforte che gl'hau rivendicatu) se nne potrau fane prupriu pochi. Anche prechè quilli de Mentoriu piscianu e cacanu tostu e lli depuratori me sa che 'nce lla fau a scremane la mmerda de montagna, cocì tutti li "strunzi" galleggianu pe llu Riu...mammamea quanti so'!! Pe vedelli basta mettese 'ncima a lla Ripa de llu Montò (ma senza sporgese troppu , se nno è facile fane la fine de llu poru bisnonno) pè vedelli scorre tra la famosa correntina addò,  'nzemmora alla bonanima de Pescolla e Bigon, chiappemmo solu li barbi che pesavanu più de otti etti, quilli sotto pisu li refionnemmo a fiume.



Me sa ch'era meglio che me facea li cazzi mei, ma certe òte prupriu non ce lla faccio a stamme sittu, e ppoi li Baccanali estivi so lla prima risorza de 'ssu paese. Esso ci sta gente che  co' 'sse carnacialate se regghiembie e sse rengalluzzisce, e domeneca se comincia co lla Sagra de lli Gnocchi Peteciani.

Chi sane se lli farrau pure co' llu sugu de mazzancolle de lli Treffiumi alla Sirvio, come se faceanu 'na òta? Tuttu po' esse sor maè, tuttu po' esse prechè a 'ssu paese ci stau paricchi Sant'Antandoni, Cocciapelate e, ancora, qua Trombone asmaticu. Ma lla cosa più bella che sse poteanu 'nventane è llu Banchittu pro-NO-bis co lli Gnocchi.
Pare che a ogni piattu è  associatu un NO alle schiforme dei PittiBulli!! 'Nozomma se tte vo' magnane ddu' patate sfracchiate e recomposte te tocca 'mpegnà a votane NO a llu referdumme che vorria sfreggiane, gnentemeno, che la Costituzzione della Repubbrica Italiana!!
Secondo me fau prupriu bene a fane ssocì, prechè llu Bardasciu-Matteo pare voglia fane la stessa cosa a lli baccanali dell'Unità (da non confonnese co quella che non tè ppiù gnente da spartine co' llu giornale de llu compagnu (Lui sì),  'Ndonio. 

Prupriu issu, quillu de lla Sardegna che repusa a llu campusantu acattolicu de lla Capitale, 'nzemmora a gente de primu pianu: Gadda, Labriola, Wilchock, Keats e tanti ari cristi 'mportanti. Pare però che 'Ndonio, 'naòta che ha saputu che quissi de lli baccanali dell'Unità metterau li banchitti contro li pro-NO-bis, abbia comenzatu a reòtasse continuamente nella tomba senza trovane repusu!! 

E pare che pure a lle Remagghiure se sente 'nu stranu rumore che non fenisce mmai. Quallecunu dice che sso lle anime de quilli galantomini (loro sì) de lli vecchi compagni peteciani che non pozzu trovane pace da quanno la Truppa toscana ha pigliata la Bandiera Roscia pe' scolorilla 'nzemmora a lli bianchi, verdini, azzurrini e a tutti quilli che vogliu refasse la Costituzzione come cazzu li pare e piace!!
M'hau appena dittu che oltre a lli rumori se sente pure 'na voce che se lamenta e smadonna a più non posso, ma cocì tantu da fa sbiancane pure lu miticu Smadonnatore  petecianu e quigl'aru 'nzinocchiatu, che pacò le 5mila lire de murta de lli Carrabinieri, ma ppoi le madonne non gli custaru mancu 'na lira l'una!!
Allora domenica ce tocca ìne tutti a Petecia pe' magnacce du' gnocchi mazzancollati ma pure, e soprattuttu, pe' ìne a llu' banchittu de lli pro-NO-bis pe'  ffa carmane un po' 'sse pore anime benedette, e rassicuralle che a stu paese ci stane ancora quallecunu che se recorda de 'Ndonio lu Sardu e della Bandiera Roscia e è capace de dìne NO agli aranciuni, a lli scoloriti, a lli verdini e soprattuttu a lli biancofiori  che se so' 'mpadroniti de lla farce e de llu martellu pe' tagliacce la coccia a capitozzo ..ma le prime a sardane sarrau quelle pelate e quelle de lli strunzi galleggianti che se so' reconvertiti a farge, cimentu e chianina. 
Adda venì baffò ...aru che cazzi!!!