"...io, ...cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia, io, tirato su a castagne e ad erba spagna, io, sempre un momento fa campagnolo inurbato, due soldi d'elementari ed uno d'università, ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà ..." (Addio, F. Guccini)

20 giugno 2016

Pranzarellu a lla Peteciana!!

Tène prupriu raggione Guccini quanno dice:
"...io, figlio d'una casalinga e di un impiegato,
cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna
che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia,
io, tirato su a castagne ed ad erba spagna,
io, sempre un momento fa campagnolo inurbato,
due soldi d'elementari ed uno d'università,
ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato
dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà... "
.
Sabbatu passatu, come pure quillu prima, me so retrovatu 'nzemmora a peteciani - veccchi, giovani e chiattarelli - a magnà ddu maltagliati alle calluzze, quattro pimmitori sfracchiati, ddu piante de 'nzalata e ddu cipolle degl'ortu de Domenico e ddu cacchitti de saciccia de llu Mandulinu, tuttu accompagnatu da vinu fattu pure co' ll'ua e vinu petecianu fattu co' ll'ua da Marcello....che goduria (l'unica rottura de palle: llu cazzu de canucciu tartufaru che non se stea mmai firmu!!).
Non è de llo magna e de llo bbeve che m'enteressa ecco (pure se lle "cose bbone" ancora tiranu, sapissi sor Maè come tiranu! Bboni pure li gnocchi della sagra: ma prechè de 'sse sagre non se nne fau armeno ddui lu mese, soprattuttu 'ntempi de calura?! 
E' che assettatu a quella taulata de gente, pure più ròssa de me (non se fau nomi: Ottavia de Terresietta!) discorrenno  de "cazzate" e "fregnacce" varie  e variopinte, ogni tantu me revenìa fori 'ca parola che -llu cocì dittu "sviluppo" - m'haea fattu scordane. Chi cazzu se nne recordava più de llo "marcatutu"!! 
In quer mentre, li pensieri me reporteanu a lle parole de Franciscu: "... ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà... "E' prupriu de civirtà che se tratta ...urdimi mumenti de vita contadina, 'zemmora a quattro  "cafuni " come me, tantu cari a Silone e Pasolini.
E allora me so dittu: "Pimmitò, lo vidi come cazzu se sta bbene co 'ssa gente,  la gente tea. Co' quissi po' penzane e ddine tuttu quello che cazzu te passa pe' lla coccia senza fatte troppi probblemi, prechè  te capisciu a vvolo, pure se lle cose non le dici quissi te leggiu ne lli penzieri, sia li "vecchi" che lli ggiovani!! Certu, pure li ggiovani, armeno quilli ch'au pigliate 'npo' de zampate 'ngulu da lli padri, da lle mamme e da lli nonni "cafuni" che llì voleanu onesti, rispettusi e, soprattuttu, solidali (come cazzu se po' dìne "solidali" in petecianu?!) co' tutti gl'ari paesani. Pure co' quallecunu strunzu, prechè ppoi, alla fine, gira e tte reggira, fenisce che semo quasi tutti mezzi parenti o compari". 
E ppoi me so reditttu,  pe' l'ennesima òta:
"Chi sane che cazzu penzerrianu oggi li vecchi nostri se potesseru venì alla "Sagra de lli gnocchi" e vedène tutti quilli cazzu de gruppitti raggruppiti, de interbeghisti communali, de cazzari vari, de cricchari de llù padrò e cricchari de llu sotto, ecc., ecc..?!!
Ma quanno cazzu la volemo fenì co 'sse vanaglorie da borghesucci piccoli piccoli, da 'mbecillotti omologati?! Ma llo volemo capì che semo  peteciani, figli de peteciani ch'au sempre cercatu de fane lo meglio pe' nnui e pe' llu paese tuttu, ognunu come poteà??!
Invece de stane a penzane come rompese li coglioni tra Padrò e Sotto, o  piùSotto ancora, non sarrìa meglio preparane la "Festa della Petecianità" e retrovasse tutti 'nzemmora a magnane e a beve quello che ognuno po' portane, tipo "lu Pranzarellu" che sse facea 'na òta. O, se nno, ghierria bbene pure la "Sagra de llu Petecianu.doc" E' allora ce potemo scazzane come ce pare e ppiace da bboni "paesani" e amici e co' rispetto e fraternità, come arrianu fattu li nostri vecchi??!!
La volemo fane o no 'sta rimpatriata collettiva ...daglie però che l'estate passa troppu 'nfretta!!!
Intantu sentimoce Guccini ...